Film dell’orrore per cominciare

Film dell’orrore per cominciare
Film dell’orrore per cominciare

"Soggetti inquietanti e cupi, che tentano di provocare sentimenti di paura, terrore, disgusto, shock, suspense e, naturalmente, orrore da parte del loro pubblico", secondo il Dizionario di Studi Cinematografici. L'autore Charles Derry divide i film horror in tre temi nel suo libro Dark Dreams: l'orrore della personalità, la paura dell'Armageddon e l'orrore del demoniaco. L'orrore della personalità deriva da storie in cui i mostri sono al centro del racconto, come il mostro di Frankenstein, in cui la psicologia della creatura li spinge a commettere atrocità inimmaginabili come stupri, mutilazioni e uccisioni sadiche. Ecco come vengono identificati i film horror al cinema.

Psycho di Alfred Hitchcock, che ha assassini squilibrati senza il trucco del mostro, è un'altra opera importante in questo genere. La seconda categoria "Armageddon" esplora la paura della distruzione su larga scala in opere che vanno dalla fantascienza ai disastri naturali, come si vede in film come The Birds di Alfred Hitchcock. Il gruppo finale della "Paura del Demoniaco", che include vivide rappresentazioni di cerimonie sataniche, stregoneria ed esorcismi al di fuori delle forme regolari di culto, come mostrato in film come L'Esorcista e The Omen. Prima della pubblicazione di Dracula, Gary Don Rhodes disse che il film horror non era ancora stato codificato come un genere, e che mentre i critici avevano usato il termine "horror" per descrivere i film nelle recensioni prima dell'uscita di Dracula, la frase non si era pienamente affermata come il moniker del genere.

come scrivere una recensione di un film
come scrivere una recensione di un film

I molteplici modi in cui gli spettatori vengono manipolati dai film horror sono stati studiati in profondità in uno studio di Jacob Shelton. Lo spazio negativo è una di queste tecniche che può essere usata per suscitare una risposta permettendo allo sguardo dello spettatore di andare alla deriva verso qualsiasi cosa nell'inquadratura, come un muro o il vuoto nero nell'ombra. C'è un perfetto mix di spazio negativo e positivo in un grande film horror. Un'altra tecnica è quella di usare una svolta nei classici cliché dell'horror, come il jump scare. Il jump scare si verifica nei film horror classici quando un personaggio chiude lo specchio del bagno con il suo riflesso visibile o in altri scenari simili. In alternativa, quando non c'è un jump scare, il pubblico si sente più a disagio e a disagio poiché non sa quando arriverà, solo che lo farà. Nei film horror, gli specchi aggiungono profondità visiva alla scena, che aumenta la tensione. A causa dell'uso degli specchi nei film horror classici, gli spettatori hanno sviluppato una fobia per essi.

L'autore Siegbert Solomon Prawer ha dichiarato nel suo libro Caligari's Children: The Film as Tale of Terror (1980) che coloro che vogliono leggere i film horror in un percorso storico lineare, citando storici e critici come Carlos Clarens, che mentre alcuni spettatori cinematografici dell'epoca prendevano i film di Tod Browning Bela Lugosi molto seriamente, altre produzioni di altri paesi vedevano il materiale impostato per la parodia, come intrattenimento per bambini, o ricordo nostalgico. Nei suoi libri sulla storia del cinema horror negli ultimi decenni del ventesimo secolo, John Kenneth Muir ha fatto eco a questa affermazione, sostenendo che i film horror riflettono le ansie della "loro epoca e del loro pubblico", concludendo che "se l'horror non è rilevante per la vita quotidiana… non è orribile".

Come diventare un critico cinematografico
Film dell’orrore per cominciare
La Scuola di Cinema è uno spazio unico che invita chiunque